Carrello (0) €0,00

Chiudi

Articoli nel carrello

Il carrello è vuoto
totale €0,00

Spese di trasporto € 7,90 Spedizioni gratuite in tutta Italia a partire da €129,00

Spese di trasporto € 7,90 Spedizioni gratuite in tutta Italia a partire da €129,00

% Acquasantiera media tre foglie appl. 15x25 Madonna con Gesù
  • Acquasantiere media tre foglie appl 15x25 madonna con gesu tricolore

Acquasantiera media tre foglie appl. 15x25 Madonna con Gesù

cod. 01.MTR073

Marca: CERAMICHE SOFIA

€90,43 -6% €85,00

Prezzo 22% IVA inclusa, spese di spedizione escluse

Quantità
Disponibilità
  • Descrizione
  • Voti e commenti (0)
  •  

    Decoro: Modellato in Tricolore

    Dimensioni : 15 x 25

    Prodotto Artigianale

    I prodotti della Ceramiche Sofia vengono realizzati interamente a mano ed eventuali imperfezioni denotano l'originalità dell'opera. La creazione delle ceramiche è un processo molto laborioso che segue diverse fasi; tra queste la modellazione, la prima cottura, la decorazione la seconda cottura e l'invecchiamento. La caratteristica principale di acquistare un prodotto non industriale è proprio questa: possedere un prodotto unico.

    Sofia la Maiolica di Caltagirone si occupa della produzione artigianale di pezzi unici in maiolica, decorati e modellati a mano. Si ispirano allo stile classico delle ceramiche di Caltagirone di tutte le epoche, realizzati con smalti unici che richiamano le origini del mondo orientale nel quale i colori erano prodotti dalla fusione di smalti a base di caolino.

    L'acquasantiera, oggetto sacro che riprende lo stile classico della sua origine in Sicilia, viene rappresentata con nuovi stili plastici e decorativi in puro stile made in Italy.

    L'uso diffuso d'attingere acqua benedetta ha dato origine alle acquasantiere da capezzale atte a contenere acqua benedetta in casa, da usare durante le preghiere mattutine e serali da parte di tutti i componenti della famiglia. 
    A Caltagirone, le più antiche acquasantiere maiolicate di cui si ha conoscenza sono del tardo Cinquecento. Nella parte frontale dell'edicola si era soliti dipingere teste di cherubini o la croce, o qualche simbolo mariano. 
    Nel Seicento invece venivano figurati i santi protettori dei luoghi ove esse si producevano. Le immagini, spesso formata da colonnine, archivolto, e timpano, sono a rilievo e quasi sempre in unica tinta, in scuro manganese. La bacinella, nella parte inferiore, si presenta come una coppa tornita e sagomata molto sporgente. 
    Nel Settecento l'acquasantiera raggiunse il suo massimo sviluppo artistico, attraverso elementi modellati e dipinti in monocromia o in squillante policromia. I santi devozionali che più vi si riscontrano sono la Vergine, Sant'Antonio di Padova, San Giacomo Maggiore, il Bambino Gesù, San Giovanni di Dio, il volto di Cristo, San Francesco di Paola, l'Angelo custode. Fin dal tardo Seicento, da quando fu fondata la confraternita dell'Immacolata Concezione nell'Oratorio dei PP. Conventuali di San Francesco, a Caltagirone si ha una forte crescita devozionale nei confronti della Madonna, espressa anche negli oggetti d'uso comune prodotti dalla maestranza dei cannatari, incorporata nella predetta confraternita. Piatti, quartare, fruttiere ed acquasantiere riportano quasi sempre l'immagine della Madonna.
    Le acquasantiere popolari del tardo Settecento assomigliano frequentemente a quei ricchi e fastosi panieri di pasta dolce, che si usa fare nelle feste pasquali per il diletto dei bambini.

  • Nessun commento per questo prodotto.

Consigliati